Il Diabete tipo 1 e tipo 2: differenze.

/Il Diabete tipo 1 e tipo 2: differenze.
Il Diabete tipo 1 e tipo 2: differenze. 2017-08-20T10:38:03+00:00

Diabete: le differenze tra il tipo 1 e il tipo 2

 

L’eccesso di zucchero nel sangue caratterizza entrambe le forme della patologia, ma l’esperto del San Raffaele Emanuele Bosi spiega in cosa si differenziano

Sai quali sono le differenze tra diabete di tipo 1 e diabete di tipo 2?

Partiamo dal numero di casi. Il numero di persone che sviluppano il diabete di tipo 2 è in rapida crescita a causa di un’alimentazione non sempre corretta, nelle quantità e nella qualità, e per via di un sempre minore dispendio di energia in termini di attività fisica. Solo in Italia questa patologia colpisce circa 3 milioni di persone, ma per il 2030 il dato potrebbe salire a 5 milioni.
Il diabete di tipo 1, il cosiddetto diabete giovanile perché insorge prevalentemente in bambini e adolescenti, colpisce circa 250 mila di persone in Italia; sono 2.500 le nuove diagnosi ogni anno nel nostro Paese.

L’eccessiva quantità di zucchero nel sangue (iperglicemia) è il denominatore comune a tutte le forme di diabete, ma sono molte le differenze tra il tipo 1 e il tipo 2, come spiega nella videointervista Emanuele Bosi, primario di Diabetologia e direttore del San Raffaele Diabetes Research Institute (DRI) dell’IRCCS Ospedale San Raffaele di Milano.

Di seguito il Prof. Emanuele Bosi spiega, con semplici parole,l a differenza  tra diabete tipo 1 e tipo 2. Clicca QUI per vedere il video

fonte: ok-salute